bandera infosar
Pro impreare sos Agregadores de Noas RSS, incarca s'icona cun su tastu de dereta de su sorighitu e, a pustis, seletziona 'Copia Indirizzo'. Pustis copiadu su collegamentu, incolla lu in s'agregadore tuo.

Limbas&Natziones: :: Pàrreres
cumpartzi custa noa cun sos amigos tuos invia mail stampa

Pàrreres


15/02/2013

Fusione de su 1848? Federicu Fenu, boghe contrària

de Diegu Corràine

Sa “fusione” de su 1848 est istada una trampa chi est servida a sos Savojas pro dominare mègius s’ìsula, atribuende a sos Sardos sa voluntade e sa detzisione de abbandonare cale si siat espressione de autonomia. In realidade, comente s’ischit, custa voluntade fiat istada manifestada petzi dae sa burghesia sarda prus piemontesizada, sa casteddàrgia in particulare. Est finas beru chi sas istitutziones “autònomas” eliminadas (sos tres istamentos) fiant collegadas a sa natura de su Regnum Sardiniae, chi non fiat istadu àteru si no un’imbentu de papa Bonifàtziu VIII, chi, atribuende·si sa soberania de sa Sardigna, nd’aiat intregadu sa corona in su 1297 a Giagu II de Aragona. A nàrrere sa bera, fiat istadu unu passu contra a s’indipendèntzia residuale de sa Sardigna, contra a s’Istadu de Arborea, duncas un’istrumentu e unu mèdiu de colonizatzione. A pustis de unos cantos sèculos, semper e cando, in su 1848, finas sos Istamentos, ùnica entidade sarda a cunfrontu de su podere dominadore, aiant sessadu de esistire. Comente, in antis, s’abolitzione de su feudalèsimu e sa lege de sas tancas fiant istados su mèdiu pro gratificare e dare fortza a una burghesia sarda oramai tzeraca de interessos esternos.

S’ùnica boghe de importu ma a sa sola contra a custu protzessu de omologatzione introduidu dae sa “fusione” est istada sa de su teòlogu Federicu Fenu. Pròpiu in su 1848, in s’iscritu “La Sardegna e la fusione con il sardo continente”, sende chi cunfirmaiat sa fidelidade sua a sos Savojas (e comente podiat fàghere in manera diferente sena èssere pessighidu, si cunsideramus canta morte e dolore aiant causadu contra a cale si siat “rivolutzionàriu” pustis de de sas derrotas de su 1796, 1802 e 1812?), pretendiat pro sa Sardigna unu guvernu e una costitutzione a bandas, in unu cuadru federalista. Fenu, faeddende de sa Sardigna, la paragonaiat a s’Irlanda a cunfrontu de s’Inghilterra: “Così ancora quando si è voluto incorporare l’Irlanda all’Inghilterra si è fatto un pasticcio, il quale ha prodotto, e produrrà se non si rimedia, immensi danni. Occorrono tra i popoli tali differenze di stirpe, di costumi, di genio, d’indole, che volerli fondere si è il medesimo che distruggerli ambidue se uguali, opprimere la parte più debole se disuguali. Ora la Sardegna dista dal Piemonte di stirpe, di costumi, d’indole, di genio, forse più che gl’Italiani dagl’Inglesi”. E sighit narende chi: “i suoi più gravi mali [quelli della Sardegna] sono i ferri che le stringono le membra, questi vogliono esser rotti, non aggravati se si vuol che cammini. [...] E poi la Sardegna è bastantemente generosa per sapere preferire la libertà al servaggio, l’indipendenza all’abbiezione, anche quando fosse condannata a trarre vita povera, il che è tanto falso; quanto è vero che l’Onnipotente l’ha fornita di quanto si richiede alla floridezza non che al benessere”.

In s’artìculu de Fenu, sunt bundantes sos cunsideros e sas riflessiones chi tenent un’atualidade manna. Benit male a nde fàghere un’issèberu. Ma, in mesu de totus, sa prus crara, “indipendentista” ma finas internatzionalista e “europeista” est custa: “Il popolo Sardo ha costumi, indole, lingua, storia, posizione geografica, tutte proprie, tutte d’un popolo a disparte. Perché si pretende così giustamente che l’Italia formi una nazione separata e distintissima dalla Francia, dall’Austria, ecc.? Perché ha costumi, genio, idioma, storia e terreni propri, i quattro primi bastantemente distinti da quelli degli altri popoli, e l’ultimo segnato a dito dell’Onnipotente che la cingeva della lunga, alta e fortissima barriera delle Alpi. Ebbene in piccolo, quasi in miniatura la Sardegna ha tutti questi distintivi, anzi la sua naturale separazione e quasi direi la sua personalità è più risentita. Qual paese può essere più circoscritto d’un’isola come la Sardegna? Inoltre, allorquando specialmente le si unirà la sua piccola sorella la Corsica e la popolazione crescerà, come si deve sperare, formano uno spazio più grande dello Stato della Chiesa non che della Toscana: ora, se questi due possono formare due Stati sovrani, perché quelle non potranno avere una semplice costituzione a parte? [...] L’Italia, anzi l’Europa ci ammirerà se riusciremo a risuscitare la nostra sepolta patria. Pensiamo prima a riedificare la nostra casa, e poi potremo pensare a quella degli altri”. E galu: “...perché i popoli che non sono liberi si avviliscono, si snervano, si scoraggiano a petto delle grandi difficoltà, dei molti ostacoli chi si parano allo sfogo delle speculazioni ai calcoli dell’industria. [...] finché la Sardegna non sarà sciolta da ogni catena, finché non sarà libera di provvedere ai suoi casi, essa non risorgerà a dispetto di tutte le gratuite asserzioni contrarie”. 

In Fenu b’at s’idea moderna chi sa prosperidade est ligada a sa libertade de si guvernare a sa sola e a s’abertura produtiva e cumertziale a s’Itàlia e a su Mediterràneu, cun sa possibilidade chi sa Sardigna nde siat s’empòriu. Finas s’idea chi teniat Fenu de una comunidade sardu-corsicana est de atualidade manna, una manera de ideare e disinnare s’integratzione europea moende dae  sos assimìgios, superendo sas làcanas de sos istados-natzione artifitziales “màndiga-natziones”. 


[dae EJA 12,2102]


#Diegu Corràine

» in segus