bandera infosar
Pro impreare sos Agregadores de Noas RSS, incarca s'icona cun su tastu de dereta de su sorighitu e, a pustis, seletziona 'Copia Indirizzo'. Pustis copiadu su collegamentu, incolla lu in s'agregadore tuo.

cumpartzi custa noa cun sos amigos tuos invia mail stampa

30/01/2016

Testi sacri in lingua sarda, nuova frontiera per la Chiesa

di Diego Corràine

Di fronte alle molte deficienze della politica, viene spesso invocato l’intervento della Chiesa, che sollevi gli animi e indichi prospettive ragionevoli e giuste. Anche in Sardegna, a volte, si ripete l’invito alla Chiesa di svolgere questa funzione, soprattutto in campo culturale e, ultimamente, linguistico. Quale miglior occasione per essa? La Chiesa, accettando la sfida, potrebbe rendersi protagonista autorevole della proposta di una lingua sarda di riferimento che risolva, almeno nello scrivere, la diversità presente nelle varianti orali. Dopotutto il fondo lessicale e la struttura sintattica del sardo è fondamentalmente la stessa dappertutto. Così la Chiesa, alimentando le nostre radici e l’identità, potrebbe farsi portatrice di un messaggio nuovo ispirato alla difesa della diversità intesa come valore, risultato del cammino creativo dell'umanità. Come, del resto fa, oggi, proponendo il suo messaggio a partire dal rispetto delle identità degli individui e dei popoli, delle culture e delle lingue.


La Chiesa vuole stringere ancor più a sé gli anziani o avvicinare i giovani sempre più assetati di sardità? Si proponga in sardo allora, in modo moderno, nel solco della tradizione. Molta della letteratura sarda scritta, infatti, è stata di natura religiosa o la si deve a religiosi, così come i primi studi linguistici, vocabolari e grammatiche (Araolla, Garipa, Madao, Spano, Rossi, Porru, Casu).


Non dimentichiamo che la Chiesa, nel corso della sua storia, ha proposto il suo insegnamento nelle lingue locali, dando per la prima volta in forma scritta, testi religiosi, grammatiche, vocabolari di lingue prima solo orali e frammentate in varianti. Lingue che sono state e sono portatrici di identità dei rispettivi popoli. Protestanti o cattolici uniti nell'impegno di diffusione del Vangelo nelle lingue nazionali, anche piccolissime.


La Chiesa Sarda ha già affrontato con chiarezza il tema. Nel dicembre del 1987, a Oristano, in occasione di una affollatissima conferenza internazionale dedicata a "Crèsia, limba sarda e limbas de àteras natzionalidades”, alla presenza autorevole e favorevole dell’allora vescovo della diocesi  mons. Pier G. Tiddia, laici e religiosi avevamo auspicato la creazione di una commissione per la traduzione dei testi sacri in una varietà scritta di riferimento per tutti, lasciando a ciascuno la propria pronuncia locale.


In seguito, a Nuoro, nel 1990, in un convegno cui aderirono vescovi e sacerdoti, dedicato più specificamente a "Liturgia e limba sarda”, furono confermate le stesse idee. Seguirono analoghi incontri a Galanoli e Lanusei, dopo il 2000.
Se, però, da allora non si è fatto molto di quanto sperato, è anche dovuto alla nostra pigrizia o intempestività di laici, alla mancata volontà di unitarietà linguistica che indebolisce la proposta di usare una lingua sarda per la Litugia e non i tanti dialetti, che pure hanno la possibilità di avere forma scritta anche in ambito religioso.


C’è chi accusa sacerdoti e vescovi di essere contrari o restii verso questa prospettiva. Credo che non sia così. Io ne ho conosciuto e ne conosco di favorevoli: dal vecchio vescovo di Nuoro, mons. Meloni, per esempio, e dal suo predecessore, mons. Melis, a tanti sacerdoti giovani che accolgono con entusiasmo la scommessa di una Chiesa capace di entrare nella nostra cultura e proporsi anche con la nostra lingua.
Se nell'occuparci di liturgia e lingua sarda o della traduzione dei testi sacri più in generale, saremo saggi e operosi, nonché temperanti e modesti, riusciremo nel compito. Si tratta di fare le cose per bene, senza soggettivismi, col massimo di universalità.


La Chiesa deve esultare nell'unire la diversità linguistica, nel farla conoscere, nel farla colloquiare, nel premiarla, favorirla, gratificarla, e non negarla o pretendere di superarla. Non è di una lingua universale che si ha bisogno oggi, ma di una universalità di spirito, nella diversità delle coscienze e delle culture. Anche in un sardo moderno e unitario.

[La Nuova Sardegna, 30-1-2016]


#System Manager

» in segus

Ùrtimos PÀRRERES inseridos

Innàtziu

Su nùmene "Innàtziu", dae su lat. Ignatius, de orìgine non segura, in sardu est finas "Innàssiu", "Frennàtziu" e "Ignatius". In particulare, "Frennàtziu", impreadu meda in Làconi, est su resurtadu de s'unione de "Fra(te)" e "(In)nàtziu", coment...  [sighit]

"edilìtzia sotziale" NON "social housing"

S'anglomania est currende a totu fua, in tv, ràdiu, giornales, alimentada dae polìticos e giornalistas. Giai dae meses e annos est currende sa locutzione "social housing" chi currispondet a "edilizia sociale" in italianu e diat pòdere currispòndere a "edilìtzia sot...  [sighit]

Presentada de su romanzu inèditu «S'ARZOLA DE S'ENA» e Ammentu de Larentu Pusceddu

OROTEDDI, sàbadu  4 -2-2017, h 16.00

Die dedicada a s'iscritore Larentu Pusceddu, nàschidu in Oroteddi su 6-2-1947 e mortu in Roma su 9-1-2016. Saludos de: —Nannino Marteddu Sìndigu de Oroteddi —Mariàngela Salis Assessora de sa Cultura —Diegu Corràine Diretore editoriale de Papiros ed. Pre...  [sighit]

"carrera de Roma" NON "carrera Roma"

Su faeddu "carrera" benit dae su cat./isp. "carrera". Custa paràula est sighida dae sa prepositzione "de" in antis de su nùmene de sa carrera, chi si tratet de unu topònimu o de unu pessonàgiu. Duncas est giustu "carrera de Roma", "carrera de Garibaldi", etc. Si no est ch...  [sighit]

FUNDU DE SA LIMBA SARDA

Sa paràula "fundu", in sardu, cheret nàrrere àrbore, mata, ma finas caudale, dinare, richesa.  In custa pàgina de su FLS, "fundu" est una cantidade de dinare dadu dae pessones de bonu coro, chi sunt interessadas a su tempus venidore de sa limba sarda, paragonada a u...  [sighit]

"padente" NON "buscu, foresta"

de Diegu Corràine

In totu su sardu tenimus "padente" (padenti, patente), chi inditat una cantidade manna àrbores, in unu tretu de su sartu. Benit dae su latinu "patens -entis", p. pres. de "patēre" ‘èssere abertu o manifestu’. Duncas, in sardu, at leadu su valore de "logu de àrbores"....  [sighit]

Pro ite naramus "Bonas Pascas"?

de Diegu Corràine

Dae su lat. ecl. Păscha(m) (chi est dae gr. páscha, adatamentu de s’ebr. pesah ‘passàgiu’), in sardu tenimus “Pasca de Nadale (ita. "Natale"), Pasca de sos Tres Res, Pasca de Abrile (Pasca Manna) (ita. "Pasqua"), Pasca de frores (Pasca frorida, Pasca de s'Isp&ig...  [sighit]

Pro ite naramus “missa de puddu”?

de Diegu Corràine

A nàrrere “missa de puddu” pro inditare sa missa de mesunote de su 24, vigìlia de Nadale, est leadu dae su catalanu “missa del gall” o dae s'ispagnolu “misa de gallo” o “misa del gallo”. In portughesu narant “missa do galo”. ...  [sighit]

Cale est sa diferèntzia intre “carre” e “petza”?

de Diegu Corràine

In sardu tenimus faeddos diferentes pro inditare sa parte muscolare de su corpus umanu e sa parte animale chi madigamus. Dae su latinu “carne(m)” derivat in manera regulare (lat. -RN- > -rr-) su sardu “carre”, pro inditare sas purpas de su corpus umanu. Però b'est ...  [sighit]