bandera infosar
Pro impreare sos Agregadores de Noas RSS, incarca s'icona cun su tastu de dereta de su sorighitu e, a pustis, seletziona 'Copia Indirizzo'. Pustis copiadu su collegamentu, incolla lu in s'agregadore tuo.

cumpartzi custa noa cun sos amigos tuos invia mail stampa

19/09/2015

Sulla "unificazione" della lingua sarda.

de Massimo Pittau

Deretu a pusti de custas rias meas, publicamus un'art. de M. Pittau de su 1998 chi crarit  comente s'idea de partzire su sardu in duos tenet raighinas longas e profundas e arribbet a pessare a una opositzione de Logudoresos e Campidanesos, comente duas etnias diferentes!
Pustis de sa riunione de Casteddu de su 1998 numenada dae Pittau, est nàschida sa cummissione chi at giutu in su 2001 a sa «Limba Sarda Unificada». Deo nd'apo fatu parte (Eduardo Blasco Ferrer, Roberto Bolognesi, Diego Salvatore Corraine, Ignazio Delogu, Antonietta Dettori, Giulio Paulis, Massimo Pittau, Tonino Rubattu, Leonardo Sole, Heinz Jürgen Wolf, e Matteo Porru). Finas M. Pittau nde faghiat parte e l'at firmada su 28 de freàrgiu de su 2001, sende chi in custu artìculu aiat impròmintidu de si negare a cale si siat traballu e incàrrigu pro "unificare su sardu"! E finas issu, a pustis de sa firma e de àere leadu su dinare pro su traballu fatu, at disconnotu sa LSC e, galu de prus, como, sa LSC, chi nd'est s'erede mègius. A dolu mannu, M. Pittau no at cambiadu idea e est semper gherrende contra a s'unidade de sa limba, sighende pregiudìtzios ideològicos e culturales chi non tenent nudda de linguìsticu.
In custu, no est a sa sola, ma tenet cumpagia bona in belle totu sos professores de sas universidades sardas! A dolu mannu nostru e de sa limba sarda, chi podet tènnere isperu petzi in su traballu de cada die de chie lu faeddat e l'istimat e in sos militantes chi semus nois.
A bois su giudìtziu. Chie at traballadu pro s'unidade e chie nono?
P.S.: Su paragone de Diegu Corààine cun Pompeu Fabra est totu de M. Pittau e mi faghet onore, non disonore, finas ca ischimus comente sunt andadas/andende in progressu sas cosas pro sa limba catalana, pròpiu in custas die, pustis de su 11 de cabudanni e in antis de su 27! Ma, a dolu mannu, sunt pagos sos chi ponent mente a custu modellu (finas in intro de su mundu "indipendentista") e preferint su modellu irlandesu, ca cun s'iscusa chi sos irlandesos sighint a èssere su chi sunt finas faeddende in iglesu, impreant in totu s'italianu, francu in ocasiones folclòricas e rituales in ue ponent su sardu.
Sos teòricos de s'identidade sena limba sunt sa disaura prus manna de sa natzione nostra e sa caratza de su peus colonialismu assimiladore italianu!

Diegu Corràine

---

Sulla "unificazione" della lingua sarda.

Massimo Pittau scrive a Diego Corraine

Caro Diego, subito dopo il Convegno che si è fatto di recente a Cagliari sul tema della "Unificazione della Lingua Sarda», ho pensato di prendere alcune decisioni: in primo luogo quella di ribadire il mio punto di vista sulla questione, in secondo luogo quella di scriverti una lettera aperta in questo nostro periodico nuorese, che non è mollo diffuso, ma certamente è molto letto. È come se parlassimo in famiglia, ma pur sempre in maniera pubblica, dato che la questione che stiamo trattando supera di molto le nostre persone, tanto da investire appieno lo status politico-culturale della nostra terra.

Tu sai che anche io ho espresso una ferma opposizione alla iniziativa che mira alla unificazione forzata delle varietà dialettali della lingua sarda, per la considerazione che per quella operazione esistono tre sole prospettive, tutte e tre esiziali per la nostra lingua: 1) Se la lingua unificata risultasse essere di modalità logudorese, è indubitabile che i Campidanesi non accetterebbero mai di adoperarla; 2) Se invece risultasse di modalità campidanese è altrettanto certo che si rifiuterebbero di adoperarla i Logudoresi; 3) Se invece la lingua sarda unificata in maniera artificiale non risultasse né di modalità campidanese né di modalità logudorese, non accetterebbero di adoperarla né gli uni né gli altri. Èdunque chiaro che quella iniziativa è assai pericolosa, perché conseguirebbe l'effetto o di perdere la metà dei Sardi in ordine al recupero e al rilancio della loro lingua oppure addirittura di perderli tutti!

La decisione poi di indirizzare a te questa lettera aperta mi è venuta sia perché tu sei il capofila della cordata di quelli che quella unificazione vogliono, sperano e tentano di attuare, sia perché anche in quel Convegno tu sei stato uno dei protagonisti, imponendoti con la tua preparazione scientifica, che contrastava enormemente con le cortine fumogene sparse a piene mani da altri convegnisti.

Anzi, proprio per questa ragione io esprimo un vivo rammarico: perché, nonostante i tuoi numerosi meriti acquisiti nella lotta per il recupero e la valorizzazione della lingua sarda, tu non sia stato nominato membro dell'Osservatorio Regionale relativo alla Cultura e alla Lingua Sarda. In proposito forse ti sarà di relativo conforto l'aver constatato che neanche io sono stato ritenuto degno di far parte di quell'Osservatorio. Per entrambi è valsa una sola motivazione di fondo: che non abbiamo alle spalle il propellente politico...

Dunque sono, queste, lodi pubbliche che sento il dovere ed anche il piacere di farti; ma insieme, in nome di quel comune e uguale affetto che ci lega alla nostra terra e alla nostra lingua, in ricordo delle importanti iniziative, anche editoriali, che abbiamo mandato avanti insieme, mi sento in dovere di farti dei rimproveri: tu sei uno di quelli che vogliono tutto e subito, tu spesse volte ignori l'effettiva realtà delle cose offuscato dalle idee, pur ottime, che intendi perseguire. Tu non hai voluto trarre nessuna conseguenza dal fallimento e dalla scomparsa della Sotziedade pro sa Limba Sarda, determinati esclusivamente dalla tua insistenza nel voler imporre il tuo sardo-Iogudorese, quello che tu solo hai studiato, predisposto e adoperato.

Considera, ad es., che il sardo-logudorese che io ho presentato -in termini descrittivi - nella mia Grammatica della Lingua sarda -varietà logudorese (Sassari 1991), prendendo come base quello della Planargia, del Marghine e del Goceano, non ha avuto opposizioni da parte di nessuno, neppure nelle scelte grafiche. Perché invece il tuo sardo-logudorese, che assomiglia moltissimo a quello da me descritto, non viene accettato né adoperato da nessun poeta logudorese? La ragione è una sola: perché tu trascuri la grafia tradizionale sarda, optando, senza alcuna necessità di nessun genere, per la grafia spagnoleggiante macu, fatu, tapu. piciocu invece di macu, fattu. tappu. piccioccu.

Possibile che tu non ti sia accorto che un fortissimo ostacolo alla diffusione dei libri in lingua sarda, che tu hai il grande merito di aver concepito e pubblicato, è costituito appunto da quella tua immotivata grafia spagnoleggiante?

0 Diego, ti invito a pensarci col massimo impegno: tu certamente stai per correre il bel rischio di diventare famoso nella storia della lingua sarda quanto lo è Pompeu Fabra nella storia della lingua catalana, ma insieme stai correndo il rischio di far la parte del principale affossatore della nostra lingua... Tra le due prospettive che hai di fronte, quella radiosa per la tua fama e quella mortale per la nostra lingua, possibile che tu non voglia scegliere con senso di responsabilità e di prudenza? Tra quelle due prospettive, proprio per l'amore che tu hai per la nostra lingua, forse che non hai il dovere di evitare con tutti i tuoi sforzi il pericolo di vederla affossare del tutto?

0 Diego, ti invito ad optare, almeno per adesso, per la soluzione più prudente o meno pericolosa, la soluzione delle tre varietà dialettali della Sardegna, campidanese, logudorese e gallurese. Poi si vedrà, ai sensi di quella profonda saggezza che sta sotto il nostro proverbio: Andande s'accontzat gàrrigu.

Per parte mia, sappi che ho preso pure questa decisione: al fine di non essere nella schiera di coloro che stanno sottoponendo la nostra lingua al grave rischio di un affossamento definitivo, non intendo più partecipare ad alcun convegno o riunione in cui si proponga e discuta la cosiddetta «unificazione della lingua sarda».

Rifletti molto, o Diego, a quanto sto dicendo a te personalmente, ma al cospetto dei numerosi amici che tu ed io abbiamo nella comune battaglia per il recupero e la valorizzazione della nostra lingua, amici che stentano a credere al nostro litigio, dopo tanti anni di numerose ed importanti iniziative che abbiamo preso assieme. E pensaci bene, anche alla luce di una cruda verità che ci siamo detti a Cagliari: siamo ormai l'ultima generazione di Sardi che può tentare la salvezza della nostra lingua. Quelli adulti siamo gli ultimi Sardi che o salveremo la nostra lingua sarda oppure la seppelliremo per sempre, lasciandola soltanto come oggetto di studio archeologico per i linguisti.
Con vivo affetto e con grande speranza, Massimo.

[l’ORTOBENE, 6 dic 1998 n. 73]


#Diegu Corràine

» in segus

Ùrtimos PÀRRERES inseridos

Cuncursu "LIMBAS IN PONTE" de tradutzione literaria in sardu, 2018

EDITZIONE 2018: ISPAGNOLU > SARDU

Prèmiu de Tradutzione literària in sardu LIMBAS IN PONTE Prèmiu intituladu a ELIEZER BEN YEHUDA (1858-1922), Giornalista, linguista, tradutore: babbu mannu de sa limba ebràica moderna EDITZIONE 2018: ISPAGNOLU>SARDU Pro s’òpera CUENTOS DE LA SELVA >...  [sighit]

PEDIRE vs PREGONTARE

LIMBAS 3 in LA NUOVA SARDEGNA 03.12.2018

PEDIRE benit dae unu latinu *PETIRE, no atestadu, comente forma alternativa a su normale PETERE. Lu impreamu pro otènnere cosa, es.: apo pedidu de mi dare una tassa de abba. De seguru est un'interferèntzia inùtile de s'italianu a nàrrere "chiedere", cun su matessi valore ...  [sighit]

ANAGRAMAS: frùtora!

Limbas 3 in Nuova Sardegna 03.12.2017

Sos FAEDDOS giustos de custa chida sunt: RAIDSIN>sìndriaGHANDISIN>chidòngiaSUMERASIGH>murighessaMICASFIGURO>figu moriscaHAGANI>àghinaNELEMO>meloneGNAURIA>aràngiuHESSEGIP>pèssigheCABACORO>baracocoMARACASUPINI>pira camusinaDANRUMINA>m...  [sighit]

pìscamu, missennore

de Diegu Corràine

In sa Crèsia catòlica, su “pìscamu” est su preìderu chi su Papa cunsagrat pro guvernare una diòtzesi (pìscamu residentziale), o finas sena territòriu e sena guvernu de una diòtzesi (pìscamu territoriale). In sardu antigu fiat...  [sighit]

Protocollu de Donostia, pro sa garantzia de sa diversidade linguìstica

Intervista de Diegu Corràine a Paul Bilbao

A s’Unione Europea de sos 27 istados currispondet una realidade de deghinas de milliones de pessones chi faeddant deghinas de limbas diferentes, fortes o dèbiles, chi non semper sunt ufitziales e presentes in cada logu e impreu. Ma oramai, in agiudu nostru, b’at una cultura giur&i...  [sighit]

LIMBA a LIMBA 2

Limbas 3 in Nuova Sardegna 19.11.2017

Solutziones: meuddu=midollocatza=frittellaTrìulas=Lugliotrau=toromanta=copertabrutu=sporcopraneta=pianetafundu=piantamustatzu=baffoaligusta=aragostasitzigorru=lumacatinta=inchiostrononna=madrinaprimidiu=precocediscu=scodellacàvuru=granchiomariposa=farfallamina=minierapadente=bosco

BIAITU, MÈSCRINU, ASULU

de Diegu Corràine

"Sas paràulas, prus las iscriimus e prus las sarvamus" Su sardu “biaitu”, impreadu mescamente in sas variedades tzentrales e setentrionales, derivat dae s'italianu antigu “biadetto”, formadu dae “biado” + sufissu “-etto”. “Biado” est...  [sighit]

Sotziedade pro sa Limba Sarda: PRESENTE E VENIDORE DE SA LIMBA SARDA

Ideas de Polìtica linguìstica

Pustis de sa Cunferèntzia de eris, 15/11/2017, in Aristanis, Hotel Marianu IV, publicamus custu Comunicadu a sos Mèdios de Informatzione: ... COMUNICADU Sa Sotziedade pro sa Limba Sarda pessat chi, in sa cunditzione atuale de sa limba sarda, in ue sos mannos sighint a la faedd...  [sighit]

SÒTZIOS de sa sotziedade de sa limba sarda

Ordinàrios: Chie est de acordu cun sos printzìpios de sa SLS e nde cumpartzit sas finalidades Currispondentes: Chie connoschet sa limba sarda orale, nde pràticat sa norma iscrita e collàborat dae sa bidda sua a traballos de istùdiu linguìsticu e a su Ditzio...  [sighit]