bandera infosar
Pro impreare sos Agregadores de Noas RSS, incarca s'icona cun su tastu de dereta de su sorighitu e, a pustis, seletziona 'Copia Indirizzo'. Pustis copiadu su collegamentu, incolla lu in s'agregadore tuo.

cumpartzi custa noa cun sos amigos tuos invia mail stampa

05/11/2014

Autori sardi, scrivete in lingua madre e anche voi conquisterete il mondo

de Diego Corraine

Molti scrittori sardi, pur scrivendo in italiano, si sono affermati o si vanno affermando in un contesto sempre più vasto, italiano e anche mondiale. Al punto che sono ormai numerosssime le loro traduzioni in tantissime lingue, comprese quelle meno diffuse come il catalano. Voglio ricordare fra tutti Bianca Pitzorno che non si accontenta di vedere i suoi libri in spagnolo ma è felice di potere essere abbondantemente tradotta anche in catalano. Non sfigurano neppure Marcello Fois, Salvatore Niffoi, Giulio Angioni e altri.

In altri casi e in altri luoghi, molti scrittori che sono espressione di culture periferiche come la nostra hanno dimostrato la volontà di affernare l'esistenza vitale della propria identità nazionale e linguistica, scrivendo nella propria lingua materna, giungendo al successo in patria e poi affermandosi in altre lingue all'esterno. È il caso del basco Bernardo Atxaga, del galiziano Manuel Rivas, dei catalani Mercé Rodoreda, Carme Riera, Baltasar Porcel, che hanno un affezionato pubblico anche in italiano.
E che dire della tanto apprezzata schiera di scrittori israeliani, quali David Grossman, Oz, Yeoshua, Meir Shalev, che scrivono in ebraico, per poi girare il mondo in altre lingue? Per non parlare degli intellettuali africani più avveduti, che, per assicurare un risveglio vero dell'Africa, vogliono scommettere sulle lingue africane, che sono il distintivo più evidente della loro identità. Curiosamente, ma neppure tanto, molti di essi si sono mostrati più coraggiosi di molti nostri scrittori, a cominciare da Thomas Mofolo, che col suo «Chaka» pubblicato in lingua sotho fin dal 1925 e tradotto in numerose lingue, compreso l'italiano, appartiene oggi al patrimonio letterario mondiale, e seguire con J.L Dubeau col suo romanzo «Insila ka tshaka» pubblicato nel 1930 in zulu, o Daniel Olorunf?mi Fagunwa, nigeriano, autore di «Ogbodu ode ninu igbo Olodumare» (La foresta dei mille demoni), del 1930, primo romanzo in yoruba.
Attualmente, è anche il caso di Ngugi Wa Thiong'o, keniano, conosciuto anche in Italia per i suoi romanzi e per la raccolta di saggi «Spostare il centro del mondo/La lotta per le libertà culturali» in cui difende il multiculturalismo e la libera espressione delle culture come l'unico antidoto contro le devastazioni della globalizzazione e dell'imperialismo culturale. Lo scrittore ha voluto dare vitalità alla propria lingua, decidendo nel 1977 di abbandonare l'uso dell'inglese che lo aveva portato al successo, per scrivere soltanto nella lingua materna, il kikuyu. Una decisione per la quale il governo di Yomo Kenyatta lo mise in prigione e poi lo condannò all'esilio.
Altro esempio della battaglia tendente a dar fiducia all'Africa, a far emergere letterariamente le sue lingue sommerse dal mare delle lingue coloniali, è il senegalese Boubacar Boris Diop, prima apprezzato scrittore in francese e ora convinto narratore in wolof, di cui è stato tradotto in italiano il romanzo «Murambi» (Il libro delle ossa), sul 'Fagaagal" (termine wolof che significa sterminio, genocidio) del 1994 in Ruanda.
Questi e altri sempre più numerosi scrittori hanno il grande merito di rafforzare e di potenziare quel patrimonio immateriale che l'Unesco ha posto al centro della propria azione e esistenza, garanzia della diversità dell'umanità. Come? Dando dignità e modernità alla propria cultura e identità, prima di tutto nella loro lingua. Poi ci penserà la traduzione a farli circolare nel mondo della letteratura, quando hanno valore universale. È lo stesso Diop che lo dice in modo chiaro, rispondendo a chi gli chiedeva quando sarebbe uscita la traduzione francese del suo «Murambi»: 'Verrà pubblicata, ma in seguito, entro cinque-sei anni. Prima è necessario che il libro si imponga nella lingua nella quale è stato concepito". Perché si tratta anche di una battaglia politica! Tornando in Sardegna, che cosa possiamo dire? Che, forse, la nostra letteratura soffre di una contraddizione: chi sa fare letteratura non usa il sardo, chi conosce il sardo non si impegna nel fare letteratura, eccetto poche eccezioni.
Per la verità, alcuni, pur volendo scrivere in sardo, sostengono di non farlo perché non lo conoscono. E allora, muovendo dai tantissimi casi di scrittori in altre lingue, perchè i nostri scrittori non facilitano la possibilità di proporre le loro opere in traduzione sarda, come essi stessi rendono possibile verso altre lingue? Anche perché scrivere in una piccola lingua come il sardo non può impedire, come è ormai riconosciuto, una vasta diffusione, a condizione che si tratti già di grande letteratura. Basti ricordare che anche lingue in difficoltà come lo yddish possono varcare i loro ristretti confini, come ha dimostrato il premio nobel Isaac Singer, nel 1978, poi tradotto in tantissime lingue.
Se siamo convinti che l'Unesco e l'Onu non sbagliano a intestardirsi con la difesa della diversità linguistica; se temiamo che scrivere buona letteratura in sardo sia difficile, allora proviamo con le traduzioni. Cosi potremo celebrare anche noi il 2008, proclamato dall'Onu 'Anno internazionale delle lingue", dando alla letteratura buone opere in lingua sarda e ai Sardi la possibilità di consolidare, anche con la letteratura, la propria diversità e identità.


[La Nuova Sardegna, 6-1-2008]


#Diegu Corràine

» in segus

Ùrtimos PÀRRERES inseridos

PEDIRE vs PREGONTARE

LIMBAS 3 in LA NUOVA SARDEGNA 03.12.2018

PEDIRE benit dae unu latinu *PETIRE, no atestadu, comente forma alternativa a su normale PETERE. Lu impreamu pro otènnere cosa, es.: apo pedidu de mi dare una tassa de abba. De seguru est un'interferèntzia inùtile de s'italianu a nàrrere "chiedere", cun su matessi valore ...  [sighit]

ANAGRAMAS: frùtora!

Limbas 3 in Nuova Sardegna 03.12.2017

Sos FAEDDOS giustos de custa chida sunt: RAIDSIN>sìndriaGHANDISIN>chidòngiaSUMERASIGH>murighessaMICASFIGURO>figu moriscaHAGANI>àghinaNELEMO>meloneGNAURIA>aràngiuHESSEGIP>pèssigheCABACORO>baracocoMARACASUPINI>pira camusinaDANRUMINA>m...  [sighit]

pìscamu, missennore

de Diegu Corràine

In sa Crèsia catòlica, su “pìscamu” est su preìderu chi su Papa cunsagrat pro guvernare una diòtzesi (pìscamu residentziale), o finas sena territòriu e sena guvernu de una diòtzesi (pìscamu territoriale). In sardu antigu fiat...  [sighit]

Protocollu de Donostia, pro sa garantzia de sa diversidade linguìstica

Intervista de Diegu Corràine a Paul Bilbao

A s’Unione Europea de sos 27 istados currispondet una realidade de deghinas de milliones de pessones chi faeddant deghinas de limbas diferentes, fortes o dèbiles, chi non semper sunt ufitziales e presentes in cada logu e impreu. Ma oramai, in agiudu nostru, b’at una cultura giur&i...  [sighit]

LIMBA a LIMBA 2

Limbas 3 in Nuova Sardegna 19.11.2017

Solutziones: meuddu=midollocatza=frittellaTrìulas=Lugliotrau=toromanta=copertabrutu=sporcopraneta=pianetafundu=piantamustatzu=baffoaligusta=aragostasitzigorru=lumacatinta=inchiostrononna=madrinaprimidiu=precocediscu=scodellacàvuru=granchiomariposa=farfallamina=minierapadente=bosco

BIAITU, MÈSCRINU, ASULU

de Diegu Corràine

"Sas paràulas, prus las iscriimus e prus las sarvamus" Su sardu “biaitu”, impreadu mescamente in sas variedades tzentrales e setentrionales, derivat dae s'italianu antigu “biadetto”, formadu dae “biado” + sufissu “-etto”. “Biado” est...  [sighit]

Sotziedade pro sa Limba Sarda: PRESENTE E VENIDORE DE SA LIMBA SARDA

Ideas de Polìtica linguìstica

Pustis de sa Cunferèntzia de eris, 15/11/2017, in Aristanis, Hotel Marianu IV, publicamus custu Comunicadu a sos Mèdios de Informatzione: ... COMUNICADU Sa Sotziedade pro sa Limba Sarda pessat chi, in sa cunditzione atuale de sa limba sarda, in ue sos mannos sighint a la faedd...  [sighit]

SÒTZIOS de sa sotziedade de sa limba sarda

Ordinàrios: Chie est de acordu cun sos printzìpios de sa SLS e nde cumpartzit sas finalidades Currispondentes: Chie connoschet sa limba sarda orale, nde pràticat sa norma iscrita e collàborat dae sa bidda sua a traballos de istùdiu linguìsticu e a su Ditzio...  [sighit]

GROGU

de Diegu Corràine

S'italianismu “giallu, -a” s'est leende semper prus logu in su limbàgiu de cada bidda nostra. Ma nois tenimus unu faeddu prus antigu presente in totu sas biddas de Sardigna, pro inditare su colore de su sole, de su limone, de su tzafaranu: “grogu, -a”, chi benit dae su...  [sighit]